l'Oltepò Pavese

11/04/2014
Vinitaly, Oltrepò in crescita
Vino e territorio convincono il pubblico del Salone veronese

 


Courtesy of Eugenio Marchesi

Il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese e le sue aziende tornano da Vinitaly, insieme a PaviaSviluppo, con un pieno di consensi, tanti contatti e un’iniezione di vitalità.

SI E' PARLATO DI VINO E DI TERRITORIO - Il nuovo e accogliente stand consortile con la sua elegante “business area”, il layout dell’area espositiva ridisegnato, i “welcome point” con le hostess lungo i corridoi e il lancio del nuovo calice personalizzato per le bollicine del Pinot nero d’Oltrepò hanno regalato ai produttori del territorio un Vinitaly da ricordare. L’afflusso di pubblico è stato alto ed incessante, con maggiori picchi nei giorni di domenica e lunedì. Si è parlato molto di vino ma anche di territorio, turismo enogastronomico, del progetto “Oltrepò2015” in vista di Expo Milano e di eccellenze uniche, a partire dal Salame di Varzi Dop, che ha accompagnato e impreziosito le degustazioni insieme al Grana Padano Dop.  Solo al banco d’assaggio del Consorzio sono state stappate un totale di 350 bottiglie, tra Metodo Classico DOCG (bianco e Cruasé) e Bonarda, per un totale di oltre 6mila degustazioni servite dagli assaggiatori professionali Armando Colombi e Maria Pia Zavattarelli. Al resto hanno pensato le 35 aziende produttrici presenti al Palaexpo nel quartiere Oltrepò, insieme alle altre allo stand del Movimento Turismo del Vino Lombardo e a quelle fuori dal Padiglione Lombardia, per scelta commerciale.

L’OLTREPO’ PIACE E PUO’ CRESCERE – Il neo direttore del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese, Emanuele Bottiroli, esprime soddisfazione e lancia già una sfida: “I nostri vini di qualità hanno convinto, ancora una volta, professionisti e curiosi. Vinitaly, però, non è tutto. E’ un grande ufficio, è un momento d’incontro, è una festa italiana che fa morale, ma difetta ancora in termini di generazione di contatti internazionali. Come Oltrepò Pavese ci serve lavorare a una maggior qualità percepita dal mondo del business, arrivare a più importatori e a una platea ampia di operatori professionali. Abbiamo un vitale bisogno di esportare il nostro marchio territoriale e su questo mi concentrerò, chiamando le aziende a un confronto. Scriveremo un piano territoriale. C’è da mirare bene, secondo i numeri  e la qualità di cui ciascuno dispone, per colpire ogni target con il giusto prodotto, senza confondere gli interlocutori o affrontarli improvvisando. Expo 2015 è una leva da sfruttare, in termini culturali ed economici, ma dobbiamo prepararci adesso. Deve emergere ciò che siamo, a partire dal nostro tesoretto chiamato Pinot nero, e che i nostri vini sono il frutto della storia che vantiamo e di un’identità agricola forte. Sulle nostre colline, a un’ora da Milano, il vino non è una fredda creazione di marketing, ma con il marketing può e deve crescere. Ci sono molte frontiere verso cui guardare con coraggio”.

Notizie dell'Oltrepò
Vinitaly, c’è più stile in Oltrepò Pavese
Nuovo stand consortile, calice dedicato alla spumantistica Pinot nero e una campagna tv su Sky. Si punta su storia, qualità e bellezza.

 


Il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese torna a Vinitaly con le sue aziende, dal 6 al 9 aprile, al Padiglione Lombardia. Focus sulle nobili bollicine Pinot nero d’Oltrepò da una parte, con il lancio di un calice personalizzato Spiegelau di grande fascino, e dall’altra spazio al Bonarda, il rosso quotidiano da intenditori. Lo stand consortile (posizione B5/C5) brillerà di una luce nuova, diventerà la “casa dei produttori” e sarà dedicato alla presentazione dell’Oltrepò Pavese Metodo Classico DOCG, nelle sue diverse declinazioni, oltre che del Bonarda dell’Oltrepò Pavese, con maggior cura rispetto al passato. Lo stand del Consorzio è stato totalmente ridisegnato, ripensato nelle forme e nei colori. Il motivo dominante è l’eleganza; il filo conduttore lo stile; l’intenzione principale quella di comunicare il valore aggiunto delle più antiche produzioni delle colline oltrepadane. L’area consortile sarà fine come una boutique e accogliente come i piccoli borghi d’Oltrepò: sui lati ci saranno salotti per il pubblico desideroso di muovere alla scoperta delle produzioni simbolo della prima area vitata di Lombardia; dietro al banco centrale una business area, spazio pensato per incontri con giornalisti, opinion maker, buyer o rappresentanti istituzionali in visita. L’opportunità di utilizzare questo spazio sarà estesa a tutti coloro che, anche non presenti al Salone come standisti, porranno i loro vini in assaggio al banco del Consorzio. L’altra componente della presenza del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese a Vinitaly sarà la bellezza: immagini dal sapore vintage e quattro hostess di grande charme per consentire al pubblico una visita ancor più coinvolgente.

 

[Continua...] »

Oscar Farinetti in Oltrepò Pavese, il Consorzio Tutela Vini apre le porte al "patron" di Eataly
Oscar Farinetti: "In Oltrepò il miglior Pinot nero spumante d'Italia e il salame migliore del mondo" GUARDA IL VIDEO DI TELEPAVIA (clicca su "Leggi tutto")

 

Oscar Farinetti, fondatore della catena internazionale Eataly e guru del made in Italy agroalimentare, è stato ospite lunedì 24 febbraio alle ore 18.30 del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese che lo ha invitato al Centro Riccagioia (via Riccagioia, 48 - Torrazza Coste) per incontrare produttori vitivinicoli, amici della cultura e i tanti suoi simpatizzanti. L'occasione è stata la presentazione del suo ultimo libro: "Storie di coraggio. 12 incontri con i grandi italiani del vino" (ed. Mondadori). Libreria Ubik di Voghera ha consentito al pubblico di acquistare l'opera, che già si è fatta molto apprezzare per i concetti che racchiude e la chiarezza del racconto. Moderatrice dell'incontro Pierangela Fiorani, direttore de La Provincia Pavese. L'appuntamento da tutto esaurito è stato pensato e organizzato dal Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese in sinergia con lo staff di Eataly, ha rappresentato anche la prima tappa del calendario d'iniziative "Oltrepò2015", progetto territoriale per Expo dell'Oltrepò Pavese.

 

[Continua...] »

Bonarda, campagna del Consorzio su La7 e La7D
Un 2013 d’impegno per promozionare e comunicare vino e territorio

Un dicembre storico per il vino simbolo e bestseller dell’Oltrepò Pavese: il Bonarda torna alla ribalta a livello nazionale con una campagna del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese su La7 e La7d. E’ solamente la seconda volta che sul piccolo schermo va in onda una pubblicità di stile dedicata al prodotto che più di ogni altro appartiene a tutti i vitivinicoltori oltrepadani, da generazioni. Nasce da 4mila ettari vitati a Croatina e si traduce in 20 milioni di bottiglie prodotte annualmente: si tratta del vino oltrepadano più capillarmente presente nella rete vendita nazionale.

[Continua...] »

Elenco completo  »

Mappa dell'Oltrepò Pavese

Il Territorio

L'Oltrepò Pavese sta riaffermando la sua antica storia spumantistica, sfruttando come base l'elegante e internazionale Pinot nero. Le differenti vocazionalità territoriali prevedono la distinzione tra aree adatte alla vinificazione a base spumante e zone più idonee alla vinificazione in rosso. Le varie delimitazioni sono state create analizzando i parametri climatici, pedologici e morfologici.